di Mimmo Licciardiello

 

MISENO

Capo Miseno e’ un luogo magico e ricco di mistero che affonda le sue radici nel mito dell’antica Grecia e dell’Impero Romano. Stiamo parlando di un  promontorio , di origine tufacea ,  alto 167 metri , che si estende per circa 40 ettari a picco sul mare  .Ospita il famoso faro ( da cui prende il nome il sentiero ) e che , fin dall’antichita’ , rappresentava il piu’ importante segnale visivo per le navi dirette verso il golfo di Pozzuoli. Durante il periodo imperiale Misenum era sede della piu’ importante ed agguerrita flotta navale dell’Impero Romano . A testimoniarlo il ritrovamento archeologico   della Piscina Mirabile, un’enorme cisterna desinata all’approvvigionamento idrico della flotta Misena. La bellezza del territorio  , la posizione strategica sulla costa ed il perenne clima temperato non passarono inosservate a senatori e ricchi patrizi romani che , su questo tratto di costa , edificarono sontuose ville sul mare , la piu’ famosa delle quali e’ sicuramente quella di Caio Mario , successivamente ceduta a Lucullo.

 

IL PERCORSO

Un sentiero di facile percorrenza ed adatto a tutti , della lunghezza di 1 km  circa e dalla straordinaria bellezza paesaggistica ed ambientale. Un’habitat ricco di biodiversita’ , da percorrere con passo lento e silenzioso, per non arrecare disturbo alle diverse specie di uccelli che su questo promontorio vivono e nidificano. Per accedere al punto di partenza del sentiero del faro , bisogna attraversare una galleria scavata nel tufo lunga circa 300 metri , probabilmente di origine romana ma successivamente piu’ volte modificata nella sua struttura architettonica . Giunti al faro , attualmente non visitabile in quanto proprieta’ della Marina Militare , un sentiero su scale in tufo , posto sulla sinistra , ci conduce all’estremita’ sud del promontorio da dove poter godere di una vista privilegiata sui campi flegrei. Dal golfo di Napoli a punta Campanella , fino alle isole di Capri e Ischia. Proseguendo in direzione nord/est si giunge a via Faro che conduce ad una Terrazza Panoramica , situata a quota 65 mt s.l.m. dalla quale si gode di una vista mozzafiato sulla spiaggia di Miliscola, Monte di Procida e, in caso di bel tempo, addirittura  sulle isole Pontine. Dalla terrazza panoramica si prosegue seguendo il sentiero nel bosco che ci condurra’ nel punto esatto da cui siamo partiti , completando un anello di circa 2 km e mezzo.

 

IL FARO

Il faro , posto in una posizione strategica , rappresenta un importante punto di riferimento per le navi dirette al golfo di Pozzuoli , pur essendo attualmente parzialmente in uso. Fu costruito agli inizi del XIX secolo,  per volere dei Vicerè di Napoli, insieme ad altre 366 torri che consentivano alla popolazione di difendersi dai numerosi attacchi dei Saraceni;

In epoca moderna Il primo faro fu costruito nel 1869, poi ricostruito nel 1953. Si tratta di una torre cilindrica bianca, alta 3,7 m, con balcone e lanterna, attaccata all’angolo   di una casa bianca a due piani dove abita il custode. La lanterna, verniciata in grigio  , è posizionata a 80 metri sul livello del mare ed emette due lampeggi bianchi in un periodo di 10 secondi,   Il faro è completamente automatizzato  ed è gestito dalla  Marina Militare . Con il pensionamento dell’ultimo custode , a breve ,il faro diventera’ totalmente automatizzato . Insieme al faro di Procida e a quello di Capri , il faro di Capo Miseno forma un triangolo che delimita il canale di Procida , un po’ come funziona per la segnaletica stradale lungo l’autostrada. Uno strumento indispensabile per le navi in transito lungo questo difficile tratto di costa.

 

 

 

INFO TRACK 

Dove : Capo Miseno –  Bacoli
Quando :  Tutto l’anno
Livello di difficoltà: Turistico
Distanza: 6 km Andata – Ritorno
Durata : 4 ore
Dislivello: 167 m
Segnaletica : Si

Seguici su

 

 

 

Mimmo Licciardiello

Guida Ambientale Escursionistica– Responsabile del progetto CamminaMente – Sono una guida ed un travel blogger innamorato perso della vita e della natura ,Attraverso i miei viaggi in solitaria ed ai miei tour ambientali di gruppo  , cerco di proporre un turismo ecosostenibile , a tutela della nostra splendida penisola.   Credo negli abbracci virtuali a patto che diventino reali facendo del mondo un posto migliore dove vivere e viaggiare.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi