NEAPOLIS WALKING TOUR – Viaggio nel cuore antico della citta’.

 

di Mimmo Licciardiello

 

 

NEAPOLIS WALKING TOUR è il tour ideale per conoscere la vera essenza della città. Il cuore antico di Napoli presentato attraverso le tracce lasciate dalle sue culture millenarie. Il tour ( ambientale / storico ) del Centro Antico di Napoli rappresenta un itinerario unico al mondo , che si snoda attraverso i DECUMANI e dona agli occhi dei suoi visitatori scenari e suggestioni irripetibili , che hanno caratterizzato il processo evolutivo di Napoli attraverso secoli di  dominazioni .Un processo tuttora in atto e visibile grazie alle stratificazioni presenti in molti dei siti storici del centro antico di Napoli Dove prima vi era il Foro  con le botteghe, oggi vi sono i popolari mercati sotto i portici medievali con le spettacolari mostre delle verdure, dei pesci e dei sapori tipici partenopei.

 

ITINERARIO

Camminare e’ sicuramente il modo migliore per godere delle bellezze storico artistiche che il centro antico di Napoli offre . Il nostro itinerario parte da Piazza Dante , da dove proseguiremo visitando luoghi sacri alla tradizione partenopea come la Chiesa del Gesù Nuovo, il Complesso Monastico di Santa Chiara e ( solo su richiesta ) la famosa Cappella Sansevero custode del Cristo Velato. Il tour tocchera’ anche  l’area del presepe napoletano di San Gregorio Armeno , anche detta via dei presepi , una delle strade piu’ suggestive di Napoli abitata da piccole botteghe di artigiani presepiali che espongono le proprie opere conosciute in tutto il mondo , un piccolo e affascinante museo delle tradizioni napoletane. IL tour si concludera’  al Duomo  dove e’ custodita  , nella Cappella del Tesoro,  l’ampolla con il sangue di San Gennaro .da dove proseguiremo visitando

 

 

CAPPELLA SANSEVERO

Imperdibile una sosta presso il Museo Cappella Sansevero che custodisce il celebre Cristo Velato, realizzato da Giuseppe Sanmartino su commissione del principe Raimondo di Sangro, illustre genio ed alchimista del settecento napoletano. Un’icona che ha fatto il giro del mondo e che ha lasciato  numerosi turisti e cittadini affascinati dalla statua di Gesù a grandezza naturale, anche e soprattutto grazie alle leggende e ai misteri che circolano sulla sua storia. Si pensi che uno dei piu’ importanti scultori italiani , Antonio Canova arrivò addirittura a sostenere che avrebbe felicemente barattato dieci anni della propria vita pur di poter vantare la paternità della scultura del Sanmartino. La visita al Cristo velato va prenotata in largo anticipo ,( via telefono,mail sui nostri canali social ) visto l’esiguo numero di biglietti disponibili quotidianamente e per evitare estenuanti file kilometriche.

 

LA VIA DEI PASTORI

San Gregorio Armeno

Una delle strade piu’ suggestiva di Napoli ,  popolata da piccole e secolari botteghe di artigiani presepiali.Per ogni buon napoletano che si rispetti e’ d’obbligo e doveroso organizzare una visita in questo luogo almeno una volta l’anno , di norma nel periodo natalizio. Nota anche come “Via del Pastori”, la strada dei presepi è un piccolo, affascinante museo a cielo aperto della tradizione napoletana: Dalle figure sacre agli antichi mestieri ,fino ad arrivare ai personaggi attuali che invadono il gossip internazionale. Entreremo in una di queste storiche botteghe , ospiti degli artigiani , che ci spiegheranno storia e tecnica di questa antica arte che si tramanda da padre in figlio.

 

 

BANSKY

Bansky – Madonna con pistola

Nell’ultimo decennio Napoli ha vissuto una rinascita da un punto di vista artistico e culturale grazie a diversi artisti , di fama internazionale , che hanno scelto proprio la capitale partenopea per produrre ed esporre le proprie opere.La “Madonna con la pistola“”,
È l’unica opera certa di Banksy in Italia e si trova  in piazza Gerolomini,  Dell’opera dello street artist inglese -prodotta con la tecnica stencil – si ha dunque traccia nel cuore del centro antico della città, dove oggi la “Madonna con la pistola” è protetta da un plexiglass. Una Madonna che invece dell’aureola porta sul capo un revolver , una chiara denuncia sociale in stile Bansky che punta il dito su uno dei problemi,la criminalita’ che attanaglia Napoli da secoli. In realta’ Banksy aveva prodotto anche un’altra opera poco distante , in via Benedetto Croce .Qui aveva lasciato una interpretazione dell’estasi della beata Ludovica Albertoni del Bernini, che aveva in mano delle patatine e un panino, simbolo del consumismo. Nel 2010, un altro writer lo coprì con un murale, scusandosi in seguito e pentendosi per il grave danno arrecato a un’altra importante traccia di Banksy a Napoli.

 

 

 

SAN GENNARO

Jorit – San Gennaro

Altro murales imperdibile e’ sicuramente il San Gennaro realizzato da Jorit nel quartiere Forcella,alto più di 15 metri che dal 2015 occupa la facciata di un edificio accanto alla Chiesa di San Giorgio Maggiore in via Duomo, lì dove comincia Forcella.Pare che il volto del Santo sia in realtà quello di un operaio amico dell’artista mentre per altri raffiguri Nunzio Giuliano , rampollo della celeberrima famiglia di camorristi che per anni ha controllato il quartiere .Non a caso Jorit si ispira spesso all’ambiente che lo circonda, per dare un tocco di maggior umanità ai suoi murales.

 

 

 

DOVE MANGIARE

La cucina napoletana ha antichissime radici storiche che risalgono al periodo greco-romano  Grazie all’influsso delle differenti culture che si sono susseguite nei secoli durante le varie dominazioni  ,la cucina ha subito  contaminazioni che hanno partorito piatti e ricette universalmente riconosciuti che fanno di Napoli una delle capitali mondiali dell’enogastronomia.

Pizzerie , trattorie e , da qualche tempo , anche le pescherie . Un’offerta ampia e per tutti i gusti. Partiamo da Piazza Bellini, la piazza delle Mura Greche,con la Trattoria- Pizzeria Bellini con le sue spettacolari linguine al cartoccio e la Pizza Purpettella,  La Stanza del Gusto con ” O Roie, uno spaghetto al pomodoro della cucina partenopea rivisitato, A Piazza del Gesù troviamo Tandem che propone il miglior  ragu di Napoli.  Giunti in Piazza San Gaetano. a sinistra , si va verso la Pizzeria Sorbillo , la mitica pizzeria che ha aperto anche a Milano e a New York ma prima ancora di arrivarci sulla destra c’è la Trattoria La Campagnola che propone anch’ essa ottimi piatti della tradizione partenopea, dallo scarpariello alla pasta e patate con la provola.

 

INFO TRACK

Quando : Tutto l’anno
Luogo : Piazza Dante – Napoli 
Orario inizio Tour : h 9/30
Orario fine Tour : 12.30
Servizi Inclusi : guida in esclusiva , accesso cappella S.Severo
Difficolta’ – Adatta a tutti

 

SEGUIMI SU

 

 

Mimmo Licciardiello
Guida Ambientale Escursionistica – Responsabile del progetto CamminaMente – Sono una guida ed un travel blogger innamorato perso della vita e della natura . Credo negli abbracci virtuali che diventano reali facendo del mondo un posto migliore dove vivere e viaggiare.

Post recenti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi